4.000 postazioni migrate.

 

A fine 2013 Tech Value, oggi OnValue, con il suo team dedicato all'Open Source oggi staccatosi ed approdato in VNS, ha vinto, insieme al partner Yacme, il bando di gara per la migrazione delle circa 4.000 postazioni di lavoro della Regione Emilia-Romagna da MSOffice a OpenOffice e conseguente adozione del formato documentale ODF (Open Document Format - standard ISO 26300) - formato di salvataggio di default di OpenOffice e LibreOffice.

La preparazione del processo di migrazione era già stata svolta nel corso del 2013 con un’analisi e un progetto pilota, per poi riprendere ad inizio 2014 con questo progetto ed è tuttora in fase di conclusione.

Qualche numero per capire di cosa stiamo parlando:

  • circa 4.000 desktop
  • 3.600 dipendenti
  • 10 dipartimenti e 5 agenzie
  • Risparmio verso acquisto/rinnovo licenze Microsoft circa 2 Milioni di Euro
  • Costo della migrazione 150k comprensiva di analisi e studio di fattibilità e corsi di formazione onsite/online

L'attività di supporto per l'adozione della nuova suite di office automation, si è articolata in varie fasi, analizzando le criticità tecniche di migrazione delle strutture coinvolte nel processo (tra cui documenti, applicazioni legacy, funzionalità), fornendo quindi soluzioni puntuali tramite sviluppo di integrazioni in OpenOffice, integrazione con le applicazioni legacy, porting delle macro e suppporto agli utenti.

Il progetto ha portato alla creazione di una serie di materiali di comunicazione interna sotto forma di una serie di filmati che spiegassero agli utenti le modalità e il senso del progetto.

Il progetto ha anche previsto lo sviluppo di un’integrazione per l’interazione con il prodotto SharePoint di Microsoft, in modo da permettere agli utenti l’apertura consistente tramite OpenOffice dei documenti salvati sul server SharePoint, presente nell’Ente come repository documentale. Una volta terminata la fase di test, il codice sorgente sviluppato sarà rilasciato dalla Regione Emilia-Romagna con un meccanismo di double licensing per OpenOffice e LibreOffice (anche questo è affetto dalla stessa problematica) con l'auspicio che eventuali modifiche o miglioramenti tornino indietro a entrambe le comunità.

Come base per la formazione utenti del progetto sono stati utilizzati i materiali multimediali VersOOo, in cui gli utenti possono seguire delle semplici sessioni didattiche su come utilizzare OpenOffice, focalizzati sulle differenze con la piattaforma MSOffice. I moduli Base sia della linea di corsi VersOOo, per OpenOffice, che VersoLibO, per LibreOffice, sono rilasciati gratuitamente da VNS e Guermandi & Associati e sono disponibili tramite questo link.

A gennaio del 2015 si è parlato del progetto alla conferenza FOSDEM a Bruxelles, dove è stato presentato il progetto di migrazione, lo sviluppo delle integrazioni verso SharePoint e annunciata l’estensione per facilitare lo scambio documentale ODFAddressBook, sviluppata da VNS e rilasciata con licenza open sia nella versione OpenOffice che LibreOffice.

Ricordiamo che il governo UK ha stabilito in luglio 2014 che il formato ufficiale per lo scambio documentale per l’UK sia proprio ODF (clicca qui per approfondire) e in occasione del FOSDEM un membro del gruppo coinvolto un questa scelta di ODF ha suggerito continuare a condividere l’esperienza della Regione, di indubbio interesse.

Vi promettiamo che faremo del nostro meglio per evitare espressioni come “a 360 gradi”, “società leader di mercato” e “soluzione personalizzata sulle esigenze del cliente”.

Lastest post from Twitter