Blog

Share

Un pensiero su ODF

Il formato aperto ODF (Open Document Format – ISO/IEC 26300) è già stato oggetto di scelta sia a livello regionale, italiano e anche internazionale come dimostrano i recenti avvenimenti.

In particolare di seguito alcuni esempi delle amministrazioni che lo hanno scelto:

  • in regione Emilia-Romagna: Regione Emilia-Romagna, Comune e Provincia di Bologna, Comune e Provincia di Reggio Emilia, Comune di Piacenza, Comune di Modena, ARPA Emilia-Romagna
  • a livello italiano: la Regione Umbria (progetto LibreUmbria), Provincia di Perugia, Provincia Autonoma di Trento, Comune di Rovereto, E.O. Ospedali Galliera di Genova, Comune di Bari, Azienda ULSS 6 Vicenza
  • a livello internazionale:

La stessa Microsoft a valle della decisione del Regno Unito ha introdotto il supporto a ODF 1.2 in Office 365 e Google ha ripreso lo sviluppo di ODF all'interno di Google Docs.

La diffusione che sta avendo il supporto a ODF, anche all'interno delle suite proprietarie, fa sperare in uno scenario futuro ove l'interoperabilità acquisita grazie al formato standard tra le diverse suite OpenSource e proprietarie permetta realmente di svincolare la scelta del software dal formato stesso, rendendola una mera scelta tecnologica rispetto alle funzionalità presenti o di opportunità economica dovuta ai costi di adozione, ma non più influenzata dal lock-in dovuto al formato.

Dimostrando così la veridicità  e anche la fattibilità di quanto ormai da anni si predica.

Ultima modifica il Luglio 30, 2015
Share This Post

Vi promettiamo che faremo del nostro meglio per evitare espressioni come “a 360 gradi”, “società leader di mercato” e “soluzione personalizzata sulle esigenze del cliente”.

Lastest post from Twitter